“RUIDO”
Data: dal 17 settembre 2009 al 07 ottobre 2009
Indirizzo: via padova 133 - Milano
Come arrivare: mm1 Loreto-56 mm2 Cimiano
Sito internet: www.ligera.it
E-mail: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Testo critico di Daniela Ambrosio
Lo Spazio Ligera apre la stagione delle esposizioni 2009/2010 con la mostra “Ruido”, prima personale a Milano di Ivan Fernandez.
Spagnolo delle Asturie, Ivan, surfer, skater e appassionato di punk-rock e di spazi post-industriali dismessi. Dopo gli studi in giornalismo a Bilbao, comincia a viaggiare incessantemente tra Parigi, il Marocco, Città del Messico. La capitale messicana e, successivamente, Puerto Escondido, diventano, per il giovane, un laboratorio vivacissimo e una continua fonte di ispirazione per i suoi lavori. L’interesse per la pittura del sud-ovest messicano, per l’arte africana e il colorismo primitivo si fondono con elementi tipici della cultura metropolitana, il graffitismo, il fumetto, la musica jazz e punk. Guarda con attenzione all’arte di Dubuffet, di Keith Haring, di Jean Michel Basquiat e all’opera dell’illustratore Juan Botas.
RUIDO, letteralmente “rumore”, può essere inteso come un elemento disturbante e, pertanto, totalmente inutile. Ivan opera con il suono e con il colore, fino a fonderli in un’unica materia vibrante e selvaggia. “Ruido” è una distorsione del suono (e del colore) mai casuale, da cui deriva la sua conseguente trasformazione in frammenti, apparentemente caotici e senza senso che, come in una sperimentazione noise, incombono nei lavori dell’artista. Per Ivan Fernandez, il “ruido” è un fenomeno riconducibile sia al colore che alla forma ed è assolutamente necessario al processo di rinnovamento, dal momento che l’immagine originaria, scomponendosi in infinite particelle di colore, assiste alla sua successiva ricomposizione in suoni definiti ed immagini nitide. In un eterno divenire della materia, il colore erompe in prepotenti sci! abolate libere ed anarchiche che richiamano alle esperienze della street art e del graffitismo, strizzando l’occhio al dripping di pollockiana memoria. Il segno diventa energia in trasformazione, flusso esistenziale continuo e caotico che, nel colore, continuamente si rinnova in tutta la sua forza.
Ivan utilizza per le sue opere materiali di riciclo oppure supporti estremamente eterogenei: dalle tavole da surf, ai cartelloni pubblicitari, dagli skateboard ai supporti plastici di recupero.

Image
Ivan all'opera nel suo studio di Milano
 
 
Iván  Fernandez giovedi 17 settembre 2009 aprirà la sua prima mostra di pittura a Milano nel pub Ligera, in via Padova 133.
Innaugurazione  21.30 e ci sarà anche un concerto e una piccola festa.
           
Siete tutti invitati

Iván Fernandez - è uno studente spagnolo in italia da parecchi anni, ha anche fondato un surf club in spagna  (CLUB DE SURF INDIANS ),  ed ospita numerosi amici italiani che lo vanno a trovare.
 
Image 

Ivan ha partecipato anche ad alcune gare Italiane e scritto per delle riviste italiane, raccontando delle onde del suo paese.
 


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand