14-06-2017 - TAVARUA/NAMOTU, Fiji  - Oggi Leo non ha centrato la qualificazione diretta ai quarti di Finale, ma può ancora puntare su un passaggio al Round 5 contro il brasiliano Ian Gouveia.

Ma vediamo cosa è successo nei giorni scorsi:
Con due heat da urlo Leo ha battuto Ace Buchan e John John Florence, Leo Fioravanti è riuscito a entrare nelle linee dei suoi avversari abbastanza per causare un incidente di disturbo, ma non abbastanza per causare una reale interferenza.

Nel secondo turno l'italiano è partito sulla stessa ondata che Buchan aveva preso con priorità. I giudici hanno ritenuto che Ace era troppo profondo e non aveva alcuna possibilità di fare il tubo. L'australiano, forse non sorprendente, ha chiarito ai giudici che avrebbe dovuto beneficiare del dubbio e che Fioravanti aveva impedito il suo progresso. In entrambi i casi si trattava di una decisione pallida e divisa in secondo piano da parte del rookie Leo che ha trasformato quell'onda in una grande possibilità, infatti gli ha dato la sua prima vittoria nel CT del 2017.

Nel Round successivo, il suo primo con l'attuale Campione del Mondo, la situazione era molto più delicata. John è partito con priorità, ma è stato costretto a fare un turn l'immersione Fioravanti che stava rientrando. E 'stato un piccolo reindirizzamento che per i giudici non ha avuto problemi, ma Florence ha sollevato le mani per mettere in discussione il posizionamento del suo avversario.

Fioravanti era in difficoltà a dire che la manovra non era in alcun modo premeditata o progettata per influenzare il potenziale punteggio dell'onda. "Ho cercato di andare più in profondità per non interferire con la sua onda", ha detto in seguito. "In realtà credo che sia stato perfetto per lui, mentre mi ha aggiratp con una bella manvra".

Certamente, Florence potrebbe ancora discutere... Dopo tutto, nonostante la sua giovane età, Leonardo Fioravanti è uno dei pensatori più intelligenti del tour. Il suo processo decisionale è chiaro e sicuro e pochi lo sono come lui. Questo è un uomo che, appena 10 minuti prima della sua heat, ha cambiato la tavola da un 6'1 "a 6'0" dopo aver notato che i giudici hanno premiato le onde più piccole tanto quanto i set. A questo livello le batterie si vincono per pochi decimi di punto.

Eppure, non si sconfigge il miglior surfista del mondo solo facendogli disegnare le linee più piccole. Lo hai sconfitto con il tuo surf. "Ho dovuto surfare il più bene possibile, ma anche fare scelte davvero intelligenti", ha detto Leo. "Mi sembrava di averlo fatto bene, ho ottenuto le onde migliori della heat e le ho surfate da cima a fondo".

LEO UN MODELLO PER GLI ALTRI ATLETI
In tal modo Leo ha fornito un modello per il resto degli alteti. O'Leary, Kennedy, Duru, e persino Parkinson, battono più avversari fantasiosi colpendo il labbro. Le tattiche di Fioravanti sono ben eseguite stanno ora trasformandosi in influenza.

Outerknown Fiji Men’s Pro Round 4 Results:
Heat 1: Matt Wilkinson (AUS) 14.27, Julian Wilson (AUS) 13.93, Ian Gouveia (BRA) 10.40
Heat 2: Michel Bourez (PYF) 15.73, Leonardo Fioravanti (ITA) 10.77, Italo Ferreira (BRA) 8.50
Heat 3: Connor O’Leary (AUS) 13.66, Joan Duru (FRA) 13.50, Joel Parkinson (AUS) 10.83
Heat 4: Bede Durbidge (AUS) 11.10, Stuart Kennedy (AUS) 5.54, Sebastian Zietz (HAW) 4.67

Outerknown Fiji Men’s Pro Round 5 Match-Ups:
Heat 1: Julian Wilson (AUS) vs. Italo Ferreira (BRA)
Heat 2: Leonardo Fioravanti (ITA) vs. Ian Gouveia (BRA)
Heat 3: Joan Duru (FRA) vs. Sebastian Zietz (HAW)
Heat 4: Stuart Kennedy (AUS) vs. Joel Parkinson (AUS)


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand