Era la prima volta che andavo in Marocco e abbiamo scelto questa destinazione perchè tra tutti avevamo solo pochissimi giorni liberi.


L’impatto con il Marocco è stato bello e particolare perché è una cultura totalmente diversa dalla nostra, nei modi di fare e di approccio generale alla vita.

Questa è la parte che adoro del viaggiare, cioè conoscere e mentalmente aprirsi conoscendo nuove culture, modi di vedere, di percepire, di vivere la realtà ed i giorni.

Siamo partiti in 8 amici accompagnati dal mitico fotografo e nostro amico Fabio Palmerini.

Sono molto contento che sia venuto con noi, perché come gli dico sempre, l’occhio clinico che ha lui, è raro e forse introvabile soprattutto quando si parla di surf, ma  lui con molta umiltà mi dice di non dire cavolate ahah ..

Comunque tornando a noi,  non siamo stati fortunati nel trovare la swell buona ,anzi diciamo che eravamo senza swell totalmente, ma nonostante questo nei 5 giorni di permanenza a Tamraght ( paesino a 14 km da Agadir ) siamo riusciti a surfare sempre tra beach break e soprattutto a Boilers che ci ha regalato con le giuste condizioni di marea onde che definirei molto più che divertenti e con una discreta misura.

Volevo ringraziare i ragazzi della Sunset Surfhouse a Tamraght  ( il mitico Abdoull e il mitico Cristiano Comar), cogliendo anche l’occasione  di salutarli, per la bellissima e calorosa accoglienza che ci hanno dato facendoci sentire come a casa , poi volevo ringraziare i miei compagni di viaggio:  Bindansupapellix, Spillenium, il mitico Mauro, il mitico Andrè Borzoni, mio fratello, il grande Andrè (opi ) e il Palmè .

Ultimi rigraziamenti a tutti i miei sponsor: RIP CURL ITALY, CMYK SHOES e TWINSBROS SURFBOARDS, i quali mi danno la voglia di surfare ,di viaggiare e di migliorarmi sempre di più.
Marco Morini

Foto by
Fabio Palmerini



Scegli la WebCam:
HOLY
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand