Image08-02-2008 La Spezia Carlo è spezzino, ha trent'anni, fa il geometra. Decide di mollare tutto per andare nella terra dei canguri. Il suo diario tratto da mentelocale.it by Annamaria Giannetto Pini

A trent'anni molla tutto e va in Australia. A fare cosa ancora non è ben chiaro. Ma intanto parte, anzi, è già partito. Come meta ha scelto l'altra parte del mondo, così è sicuro che nessuno potrà raggiungerlo. Carlo starà via almeno un anno, settimana più settimana meno&

Che si tratti di una parentesi di vita, di una svolta decisiva o del tanto nominato anno sabbatico, si vedrà col tempo. Intanto ha cambiato aria, perché quella che tira a La Spezia, la sua città, per ora non fa più per lui.

ImageCarlo abita in Litoranea, in una bella casa con la vista sul golfo. Vive con i genitori, la sorella minore e un numero indefinito di animali, più o meno domestici. Con i nonni nella porta accanto, si completa il quadro della famiglia unita all'italiana. Un nido sicuro che Carlo non ha mai lasciato, perché crearne uno proprio, è dura. Carletto, come lo chiamano tutti, è un geometra in piena regola. Collabora con uno studio di associati a Sarzana e le sue giornate le passa tra rilievi e ufficio, dove trascorre le sue buone otto-nove ore ogni giorno.
Ha due grandi passioni: la musica e il surf. Una schiera infinita di amicizie e una grande, pesante, comune incognita: il suo futuro. Niente di così anomalo. Nessuno di questi tempi ha certezze sul domani. Ma di sicuro, chi è giovane oggi, ne ha ancora meno.

ImagePrecariato, contratti a progetto, agenzie interinali, stipendi flessibili e bassi. Parole che rimbombano in tante giovani teste. Le stesse per cui indipendenza e stabilità economica appaiono come lussi per pochi. Come traguardi da provare a raggiungere, tra botte di bamboccioni' e istituzioni fantasma.
E se si aggiunge che il nostro è un paese a crescita zero, destinato, a quanto pare, a un'inesorabile ondata di impoverimento, si capisce perché Carlo abbia scelto di cavalcarne altre di onde, almeno per un po'. Per vedere cosa succede dall'altra parte del globo, come si vive, cosa si può fare.

ImageQualche mese fa viene a sapere che esiste una possibilità chiamata Working Holiday Visa (WHV): un visto che dura 12 mesi e che consente a chiunque (entro certi vincoli) di soggiornare lavorando su tutto il territorio australiano. Un visto di lavoro e vacanza. Cartina alla mano, Carlo tira giù una bozza di itinerario. Prende i primi contatti, qualche lontano parente, amici di amici che vivono in Australia da anni. Il tempo di sbrigare le trafile del caso e parte.

.

ImageInizia così il toto scommessa, tra le critiche di alcuni e l'invidia di altri. «Non resiste più di qualche settimana». «Secondo me non torna». «Si sistema là e lo rivediamo solo su Skype o sul suo My Space».

Link: http://www.mentelocale.it/

.

Image

Image


Scegli la WebCam:
Scegli la localià:
seleziona la boa

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand